Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 Dec

Lesbo in fuga

Pubblicato da admin  - Tags:  fashion, lesbo, omofobia, renault, televisione, twingo Miss Sixty, you tube

Cosa c'è di meglio oggi per promuovere un prodotto che quello di non apparire in televisione? Lo sa bene la Renault che per il lancio della nuova Renault Twingo in edizione Miss Sixty, da loro il colore rosa, la nuova auto che sarà sul mercato italiano da gennaio, ha pensato che per il mercato italiano il modo migliore fosse quello di realizzare uno spot che sarebbe stato rifiutato sicuramente dai due principali canali pubblicitari televisivi, RAI e Mediaset. La cosa è puntalmente avvenuta, i manager sono prevedibili e giocare a scacchi con loro è di una noia mortale. Ma andiamo con ordine (scusate ma i miei post sono sempre delle sceneggiature alla Tarantino).

Lo spot è un videoclip che narra la storia di una falsa seduzione tra due donne, Commedia degli equivoci, ambiguità e veli, furbizia e intreccio, svelamento finale. Politicamente corretto, tanto da sdoganare la sensualità lesbica in un contesto, quello pubblicitario, che segue regole rigorose e rassicuranti nell'identitificazione sessista. Lo spot non scardina nessun muro, non è irriverente e non usa il corpo femminile. Usa le regole socio-culturali per cui non è possibile che la televisione pubblica (anche Mediaset lo è, per consuetudine politica) sia il mezzo col quale si parla di cose normali. Succede che Fazio-Saviano facciano ascolti record dopo le minaccie di venire oscurati, succede che lo stesso faccia Santoro, succede che si parli per mesi di Morgan , Aldo Busi, Ceccherini e le loro censure mediatiche.

La televisione è diventata sinonimo di spazzatura e il fashion se ne deve liberare con exit-strategy dirompenti. Si deve far sapere che quel brand non lo troverete in tv perchè quello non è il luogo del Bello e dello Stuzzicante. Questi sono altrove, dove non ci sono regole apparenti, sono in rete.

Cercatele in rete, fate il passaparola, fate sapere ai vostri amici e parenti che la censura non passerà, che Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!'

Questo è un segnale ulteriore dell'abbandono della televisione da parte dei brand che cercano profilazioni forti e discontinuità. Da qui a gennaio la Renault sommergerà la rete di visualizzazione del suo spot, con effetto emozionale modo molto più penetrante. You Tube è il driver pubblicitario del futuro, si sa. Chi si identifica nel rifiuto del brutto televisivo, nazional popolare e generalista sa che una twingo rosa le farà da testimonial.

Io spargo il verbo perchè vesto twingo, l'auto più brutta dopo la Duna.